domenica 23 febbraio 2014

Sentenza Lombardo: la gente di Sicilia destinata a morte lenta?


Sentenza Lombardo: la gente di Sicilia destinata a morte lenta?



 22 feb 2014   Scritto da Francesco Giordano           



SI ACCENDE IL DIBATTITO DOPO LA CONDANNA DELL’EX PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA, RAFFAELE LOMBARDO. LA PAROLA A…FRANCESCO GIORDANO (in allegato altri punti di vista sul caso)

La sentenza di primo grado, che ha condannato per il reato di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, l‘ex Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, non è solo una infamità grande per il presunto colpevole, a cui auguriamo di cuore nei seguenti gradi di giudizio, in base alla vigente presunzione d’innocenza, di discolparsi in pieno dalle accuse che gli vengono rivolte, ma anche per l’ìntero popolo della Sicilia.
Possiamo dirlo con cognizione di causa, essendo stati personalmente, negli anni del ‘lombardismo’, vergin di servo encomio e di codardo oltraggio, per parafrasare il Manzoni. Anzi, sono ancora online alcuni nostri articoli di quegli anni, in particolare uno del 2010, dove affermavamo, pur non avendolo votato alla suprema carica regionale (considerate le nostre assenze da’ ludi cartacei nell’ultimo decennio), che egli nel piano di governo dell’isola era a un bivio, potendo scegliere se essere ‘Ntoni Malavoglia o Timoleonte, ovvero un vinto verghianamente, o un vincitore nella migliore tradizione della Sicilia ellenistica.
La sua scelta è stata, in virtù forse di tradizioni ataviche, quella del personaggio del celebre romanzo del conterraneo, non già emulare le gesta dello straniero corinzio che, pur accusato in Patria sua di omicidio, si diede in Sicilia nel IV secolo alla “elefterìa” (libertà) delle città oppresse da tirannide, ritirandosi poi cieco e vecchio in Siracusa ed egli medesimo rifiutando la suprema magistratura, ritenendo di aver compiuto il dovere catartico per cui era stato chiamato dalle pòlis siceliote. Raffaele Lombardo politico (sulla caratura dell’uomo non è qui il caso di indulgere, sebbene riteniamo che abbia indubbie qualità), ha intrapreso la propria via.
Crediamo nondimeno che non vi sia nesso di conseguenzialità fra essa, le dimissioni del 2012 e l’attuale condanna, pronunziata “in nome del popolo italiano” (a noi sicilianisti sentire codesta frase da un magistrato fa un po’ effetto, ma è sensazione personale; pur siamo consapevoli e certo partecipi, specie quando ci troviamo all’estero, della comune fratellanza italica… che a volte, malauguratamente, è un fattore estrinseco tuttavia, e fors’anche psicologico), dal GUP, nel procedimento con rito abbreviato. Nè ci pare necessario disquisire sulla definizione di “associazione a delinquere di stampo mafioso”, su cui da lustri han martellato e le immagini e le cronache e i films d’ogni genere, per non dire dei fatti di sangue.
Qualche parola invece sul reato di concorso esterno: nel marzo 2012, cassando la sentenza di condanna a sette anni per il medesimo capo d’imputazione all’ex senatore Marcello Dell’Utri, il Sostituto Procuratore Generale della Cassazione, Francesco Iacoviello, affermava: “Il concorso esterno è un reato autonomo creato dalla giurisprudenza. Che prima lo ha creato, usato, dilatato. E ora lo sta progressivamente restringendo…non ci si crede più”. E’ infatti noto come tale fattispecie di reato non figuri nei codici ma nasca, in seguito all’articolo 416 bis della legge Rognoni La Torre del 1982, unitamente all’articolo 110 c.p.p., al fine di voler colpire la contiguità morale e pur esterna, della persona che in qualche modo favorisce gli interessi del’organizzazione criminale, pur non facendone organicamente parte.
Ultimamente nel normare il reato di voto di scambio (da cui peraltro Raffaele Lombardo è stato assolto nella sentenza di primo grado di cui sopra), il ddl votato dal Senato alla fine di gennaio del corrente anno, ha in qualche modo cercato di inserire nella legislazione il concorso esterno, che appunto è una costruzione ad hoc difficile da provare e ancor più difficile da sostenere. Nel caso in questione il magistrato ha ritenuto opportuno che vi siano gli elementi per condannare il Lombardo: noi auguriamo che i successivi gradi di giudizio, ma già in sede di Appello, dimostrino l’infondatezza del supposto reato. Così come all’epoca augurammo all’ex Presidente della Regione Cuffaro. Ma il punto è proprio codesto: se una comunità di popolo, come quella siciliana, ha due ex Presidenti accusati (uno addirittura in carcere), per reati in qualche modo legati a una organizzazione criminale che non è certo una bella carta da visita per l’immagine della Sicilia nel mondo, tale comunità di popolo muore. “La morte è termine della vita, la triste fama è un morbo per sempre”, affermava il grande sofista Gorgia da Lentini (V sec. a.C.), nella “difesa di Palamede”, ingiustamente accusato da Ulisse di tradimento. Cui prodest?
Ci mancava tale sentenza, nella deriva sociopolitica del momento, per ferire in modo affatto letale la coscienza dei singoli siciliani, anche coloro che verso il “lombardismo” furono nemici feroci. Ebbe ragione Benedetto Croce quando, nell’immediatezza della fine del secondo conflitto mondiale, disse che “noi italiani abbiamo perso una guerra tutti, anche coloro che hanno combattuto contro l’oppressione degli occupanti”? Se la si vuol riferire alla Sicilia, sì, è come se ogni sentenza di tal genere faccia perdere una guerra, la “guerra” del riscatto sociale e morale della gens sicula di contro ai dubbi non già del diritto giurisprudenziale nazionale, come può essere, secondo pareri autorevolissimi, il reato sopra contestato, ma anche e forse soprattutto, per la speranza dell’onestà delle nuove generazioni -ricordiamo la frase celebre scritta dopo l’omicidio Dalla Chiesa-, perchè i ragazzi si educano non con i disvalori, ma con l’esaltazione di quanto bello buono e orgogliosamente siciliano la nostra terra possieda, hic et nunc, qui e oltre, in Patria e nel mondo. Soprattutto nel mondo, perchè se leggiamo che in Spagna c’è la fila per accedere ai ristoranti che si denominano “mafia”, ci permettiamo di ricordare che dovrebbe esserci la fila per visitare i templi di Agrigento, il teatro greco-romano di Taormina e l’anfiteatro di Catania, il barocco di Modica e di Noto, i templi di Palermo e Monreale come le specialità gastronomiche e le realtà del terziario, oramai in decadimento insieme all’agricoltura, della Sicilia.
Vivremo ancora di queste sentenze mortifere e non già del turismo, se non possiamo più produrre nulla perchè la pressione fiscale impedisce il risorgere della impresa piccola e media in Sicilia e in Italia quando molti, e giustamente, delocalizzano all’estero e non si vede speranza pe’ nostri giovani? Non è intenzione del popolo, quello che non bada a’ tribunali nè alle trame occulte delle mazzette ma pensa a lavorare e produrre per la famiglia e per la comunità, il popolo della gente “d’onore”, che tradizionalmente è la realtà dei siciliani, lasciarsi schiacciare da tali ennesime dominazioni psicosociali dell’Essere che lo mortificano. O forse dobbiamo pensare, come alcuni amici, che la Sicilia è ancora una colonia, che non “deve” essere governata, perchè così si vuole “ove si puote ciò che si vuole”? Mysterium iniquitatis…
E’ in atto un tentativo di risollevare le sorti dell’economia regionale, si chiama Grano, è una proposta di iniziativa popolare di moneta complementare, che può attraverso la presentazione a norma di Statuto, di un disegno di legge da parte della gente, dare la possibilità di lavoro a chi non l’ha, e un reddito sociale a chi non può: l’ideatore è Giuseppe Pizzino già creatore dei marchi Castello e Sicily nel tessile; il 15 marzo ci sarà la presentazione del progetto all’ARS.
E’ una moneta sociale e nazionale (nel senso di nazione siciliana), strumento inderogabile per far ripartire l’occupazione, a cui son legati i consumi e tutta la realtà economica della nostra gente. Lo capirono benissimo i Vicerè, nei secoli XV-XVIII: infatti la moneta Grano era coniata in Sicilia in quei secoli, ove l’economia prosperava. “Ultima ratio regum”, scriveva Luigi XIV nei suoi cannoni: è l’ultimo tentativo, nella Sicilia travolta dalla implosiva “controrivoluzione” di Crocetta, prima di chiudere bottega e dichiarare il Commissariamento. Il quale, allineato alla sentenza Lombardo e al disastro per cui oltre il cinquanta per cento dei siciliani è senza lavoro (nel 2012 oltre il 50% non è andato a votare alle elezioni regionali… nel 2008 i tre quarti dei votanti, elessero Lombardo Presidente…), condanna un’isola meravigliosa al declino assoluto. Impietosa realtà, ma bisogna pur avere il coraggio che ebbe l’occhio fotografico di Phil Stern (di cui ricordiamo una bella mostra di scatti durante l’occupazione nel 1943 l’estate scorsa) nel delinearne i tragici chiaroscuri del bianconero.
Perchè qui i colori sono scomparsi, tristamente.
Rimane soltanto la “storia di li dui sùggi” (che liberamente trasponiamo, dal Pitrè): “un sùggi dissi a n’autru: ci veni a mangiari nni me ziu? Annàmu…. e trasennu ntra lu purtusu tunnu, lu primu chi dicia, si truvau ntra li granfi di na gatta. Accuminzau a fari: ziu, ziu, e l’amicu sò: minchiuni, e su tto ziu fa ccussì ccu tia, vidi chi mi succeri, e vutò tunnu d’unni avia vinutu”. Parabola significa…



(Articolo pubblicato sul quotidiano online LinkSicilia: http://www.linksicilia.it/2014/02/sentenza-lombardo-la-gente-di-sicilia-destinata-a-morte-lenta/)

martedì 11 febbraio 2014

In movimento, uniti nella diversità, verso la moneta siciliana: Seminario a Valverde (Ct), 8 marzo 2014 ore 17





Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

IN MOVIMENTO,

UNITI NELLA DIVERSITA',

VERSO LA MONETA SICILIANA!
La Fratellanza "Terra e LiberAzione" ritiene che "i progetti che oggi tendono a dare alla Sicilia un'iniezione di liquidità vadano tutti nella direzione giusta", e che, dopo attenta valutazione, li ritiene del tutto diversi e... "complementari".


Ogni polemica tra i vari comitati promotori va bloccata immediatamente e senza condizioni.

Stop e subito!. Se ne discute di presenza. No fessibbukkate!.
Siamo impegnati nella raccolta di firme per il Progetto di Legge di Iniziativa Popolare (moneta siciliana "GRANO") promosso dall'Associazione Progetto Sicilia fondata da Giuseppe Pizzino; ma conosciamo bene le idee del fratello Massimo Costa in materia monetaria da almeno 6 anni e disponiamo dei relativi documenti, lontani "antenati" del suo neonato Progetto Tarì...(strutturalmente differente dal progetto Grano, non meno del Sicanex!).

Il movimento per la moneta siciliana deve essere uno spazio aperto, e per la sua fondazione -anche formale- stiamo lavorando duro, animando un Seminario e tante iniziative locali.

Sappiamo anche di altre iniziative ancora in embrione: sono le benvenute.

Sentiamo il dovere di ascoltare bene tutti, di rispettarli e aiutarli a discutere; di unirli in un vero movimento per la moneta siciliana. Scusate se è poco.

E non ci scordiamo che milioni di Siciliani non sanno nulla di tutta sta cosa, nè hanno gli strumenti per capirla, se non impariamo a spiegarla bene, magari senza inutili sciarriatine settarie!.


Anche noi abbiamo un progetto strategico -e non complementare, semmai convertibile!-di moneta siciliana (sovrana), assai elaborato in trentanni di lavoro politico e culturale.
Ma tutte le iniziative che pongono seriamente il tema decisivo della sovranità monetaria, anche in forme intermedie, che rispondono però alle urgenze di una emergenza sociale drammatica, hanno il nostro sostegno serio e attivo. Tantoppiù che sono diverse e complementari tra di loro.

Una sintesi la faremo, se la finite di polemizzare ammatula, inutilmente.


Basta polemiche: inutili e immature. Chi vuole, se lo vuole veramente, ne può discutere seriamente al Seminario di "Terra e LiberAzione", la terza sessione centrale si terrà a Valverde di Catania l'8 marzo alle h.17.
Mario Di Mauro-Fondatore di "Terra e LiberAzione"

martedì 4 febbraio 2014

Catania e la Sicilia riabbracciano Agata, la Santa in giro fra il popolo il 4 e 5 febbraio





Catania e la Sicilia riabbracciano Agata, la Santa in giro fra il popolo il 4 e 5 febbraio




 04 feb 2014   Scritto da Francesco Giordano                     



                   LE ORIGINI DI UN CULTO CHE AFFONDA LE SUE RADICI IN UN PASSATO LONTANISSIMO
Il giorno tanto atteso, in cui come ogni anno, i catanesi e tutti i siciliani devoti riabbracceranno le reliquie miracolose di Sant’Agata, la protomartire venerata in tutto il mondo per essere stata fra le più elette anime della novella religione del Messia Gesù, ad immolarsi per preservare il voto di verginità che un bieco figuro voleva violare, è giunto. La mattina del 4 febbraio usciranno dalla “cammaredda” del Duomo entro il busto reliquiario del XIV secolo, mirabile opera dell’argentiere Archifel, e la Santa in corpore e in spirito, dalla Chiesa che la custodisce, verrà consegnata ai cittadini di Catania e del mondo cristiano, per il cosiddetto “giro esterno”, che in realtà è il più importante e il clou della festa.
Qui teniamo da catanesi, a ribadire ad onta delle disinformazioni che sorgono ogni anno, che la terza festa più importante della Cristianità mondiale, ovvero quella di Sant’Agata, che richiama nella città dell’elefante migliaia e migliaia di siciliani, italiani e stranieri, in encomiabile ritrovo di commerci e festività allegre, che il vero giorno delle celebrazioni più sentite è il quattro, sia perchè fu quella sera che la Protomartire subì la morte, nell’anno 251, sia perchè è la giornata in cui essa vive carnalmente più a contatto con il popolo, stando fuori per oltre 24 ore e rientrando in Duomo la mattina del 5. L’uscita del 5 febbraio, la salita per via Etnea, i fuochi e il rientro probabilmente, come avviene negli ultimi anni, la mattina del 6, sono solamente scenografie utili e belle, ma per i turisti.sant'agata-300
La festa agatina dei Siciliani, dei catanesi, è il quattro: specie quando lei, la Vergine bella, unica nelle sue arti magiche (non sia creduto inopportuno tale termine, diremo subito il perchè) di protezione e di talismano civico, gira per la via del Plebiscito, ovvero il vero cuore pulsante della città di Catania. La via che abbraccia come in un cerchio tutti i quartieri storici e antichi ove vive la gente vera, non inquinata come molti affermano, dal letamaio della corruzione dell’anima, devota in modo estremo a volte e però pienamente cosciente, oltre le vicende tristi del quotidiano, che se salvezza può esservi, essa proviene dalla Luce dell’Altissimo, di cui la Buona (il significato del nome Agata, dal greco) è sacerdotessa.
Non si può qui non rammentare che, se è antichissima e sempre sentita dai cittadini di tutta la Sicilia (nel XVII secolo una annosa disputa voleva contendere i natali di Agata da Catania a Palermo, tanto era importante il suo culto, e molto legati le sono anche i panormiti, così anche i maltesi: e però, se è vero che la documentazione degli Atti vetusti danno incontrovertibilmente per città natale Catania, è anche indubitabile che conta più della nascita, il luogo del martirio, che è appiè dell’elefante; inoltre che il culto agatino sia universalmente siciliano, è manifesto da tutta la liturgia della Chiesa sin dal IV secolo, financo Roma la modellò su quella qui esemplata) la devozione per Sant’Agata, essa ha la radice storicamente ineludibile nelle feste in onore della Dea Iside, che particolarmente nella Sicilia orientale erano diffuse sin dal III secolo avanti Cristo, precisamente dopo lo sposalizio del basileus Agatocle di Siracusa con la principessaa egiziana Teossena, che promosse il culto della Magna Mater della terra d’Oriente qui da noi.
E che analogie non già, ma esatte copie del “navigium Isidis” fossero le feste agatine sino al XVII secolo, ce lo testimoniano sia i documenti che i fatti; in ogni caso basti rileggere le Metamorfosi di Apulejo laddove lo scrittore descrive i culti isiaci, per ritrovare gran parte della festa agatina, nella sua vitalità popolare e polisemica. Anche gli studiosi religiosi del XX secolo, fra cui il massimo esperto Mons.Santo D’Arrigo, hanno riconosciuto la radice isiaca del culto di Agata, che nulla toglie alla pia devozione della donna integerrima e dalla verginità immacolata -Agata subì il martirio fra i 18 e 20 anni, pienamente incardinata nel regolare verginato religioso del primo Cristianesimo, oggi si sarebbe detta una Suora, o meglio una Diaconessa- avvolta nel Velo sacro, che ancora oggi fa parte del corredo delle reliquie e la raffigura nel primo esempio iconografico ricordato, il mosaico di Sant’Apollinare di Ravenna, del 550. Mentre il volto a noi tutti caro del busto attuale altro non è che il calco del viso della Regina di Sicilia Eleonora d’aragona, moglie del grande Re patrio Federico III, la cui tomba (XIV secolo) è pure nel Duomo catanese.
Nella prima “liturgia catanese” dopo il ritorno delle reliquie dalla cattività costantinopolitana, nel 1126, si legge: “Tu gloria di Trinacria, tu letizia della città di Catania, tu onore dei tuoi concittadini! Esulta o Catania per il nuovo avvento di Agata…La Sicilia tu difendi, o rosa stimatissima, e proprio la tua patria Catania tanto nobile”. Regnava a quel tempo Ruggero II, l’illuminato normanno fondatore col padre del Regno di Sicilia, da cui bisognerebbe prendere ancor oggi ispirazione. E così come Agata ha salvato Catania da lave e terremoti, e ispirato la Sicilia nelle rivoluzioni nazionaliste (“Sant’Agata e l’indipendenza della Sicilia, viva!” fu codesto il grido dei rivoluzionari che nell’estate del 1837 innalzavano sul pinnacolo del Duomo il vessillo giallo e rosso con la triscele, nell’insurrezione sanguinosamente repressa dai Borboni…), così possa in questi giorni di tribolazione salvare i Siciliani tutti, e i suoi figli più vicini di Catania, dalle difficoltà: lei che ha la predilezione per gli umili e i bisognosi, per i malati, per coloro che sono ristretti in cattività (come ha scritto un poeta coevo, Onarfe Dagoro, “spoglia dell’oro, fanciulla dei poveri, sei degli ultimi la finale speranza”), sia nel suo ritorno tra la gente prodiga di attenzioni.
Molte lacrime, silenti e vistose, si spargono ultimamente alla vista e al passaggio del fercolo argenteo della Santa: sono le lacrime di chi non ha più nulla, ma non ha cessato di credere: o che vuole credere, anche contro ogni evidenza. Per tutti, con i versi del noto Inno (le cui parole sono del camporotondese naturalizzato catanese Antonio Corsaro, Sacerdote illuminato e di libero pensiero, intellettuale finissimo amico di Pasolini, Pound e Ungaretti: insegnò letteratura francese a Palermo, è morto nel 1995) che si canta per le strade, ella è colei che “splende in Paradiso, coronata di vittoria… o Sant’Agata, la gloria, per noi prega, prega di lassu!”.

(Articolo pubblicato sul quotidiano online LinkSicilia: http://www.linksicilia.it/2014/02/catania-e-la-sicilia-riabbracciano-agata-la-santa-in-giro-fra-il-popolo-il-4-e-5-febbraio/)

Le prime due istantanee sono state scattate dall'autore del blog la mattina del 4 nel 'piano della Statua', l'ultima  nel pomeriggio in via del Plebiscito, a Catania...