giovedì 21 febbraio 2013

S.Messa in rito romano antico, 24 febbraio 2013 ore 18 chiesa S.Giuseppe al Transito di Catania




Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

 
S.MESSA IN RITO ROMANO ANTICO
DOMENICA 24 FEBBRAIO 2013
Ore 18,00
presso la
Chiesa di San Giuseppe al Transito
(P.zza Maravigna, dietro l’Anagrafe Comunale, nei pressi del Castello Ursino)
~CATANIA~
Celebrerà il Rev.mo Don Antonio Ucciardo 

mercoledì 13 febbraio 2013

Veglia Eucaristica Riparatrice per il Papa e la Chiesa, Chiesa San Giuseppe al Transito, Catania sabato 16 febbraio ore 19


Riceviamo e volentieri pubblichiamo:




 
Chiesa di San Giuseppe al Transito
(P.zza Maravigna, dietro l’Anagrafe Comunale, nei pressi del Castello Ursino)

~CATANIA ~
Veglia Eucaristica
di Riparazione e Preghiera
per il Santo Padre e la Chiesa

Sabato 16 Febbraio
Ore 19,00
Presiede il Rev.do Don Antonio Ucciardo
 


sabato 2 febbraio 2013

La Sicilia morente: lettera e richiesta urgente del Presidente degli autotrasportatori siciliani AIAS Giuseppe Richichi



















La Sicilia è, come sappiamo, morente nella sua economia reale, mentre sono alle porte elezioni nazionali e locali e tutte le forze politiche in campo propongono soluzioni più o meno adatte agli attuali frangenti. Di seguito due interventi di una categoria fondamentale, quella degli autotrasportatori di Sicilia, segnale del momento assai critico:


Catania, 22.01.2013

Lettera aperta

Ancora una volta siamo chiamati alle urne per compiere un diritto fondamentale della democrazia, espressione della sovranità del popolo che nomina i propri rappresentanti alla guida del Paese. Ma a chi affidarci?
Come tanti “pecoroni” torniamo a votare i soliti Noti, candidati di ogni schieramento, che ci chiedono di essere eletti, nascosti dietro tante false promesse, solo per tenersi stretta quella poltrona che li esonera dai sacrifici a cui la gente comune è soggetta, come se le responsabilità del dissesto a cui siamo costretti non fossero anche le loro.
A quanti di Voi, pur non riconoscendosi in un “colore” politico, credono ancora nonostante tutto nella democrazia e nella libertà, chiediamo di partecipare ad un progetto di Rivoluzione, che non è la propaganda elettorale di questi partitini privi dello stesso concetto a cui questo vocabolo rimanda, ma una vera intenzione di mutamento che possa comportare una rottura dai precedenti modelli di governo.


Uniamoci!

Per il bene della nostra Terra, per il futuro dei nostri figli, per porre fine a questa vergognosa messinscena di questi politicanti che con i loro comportamenti hanno mancato di rispetto alla fiducia loro concessa.
E’ necessario restituire il proprio “senso” a parole come Onorevole, Rappresentante, Responsabilità, Tutela, Valori, Credibilità, Bene Comune, tutte parole il cui uso improprio o l’abuso ne hanno impoverito il significato.
E’ doveroso opporci all’arroganza di una classe politica ormai troppo distante dalle problematiche “reali”.
E’ fondamentale contenere gli effetti di questa “macelleria” sociale.


Associazione A.I.A.S.

Il Presidente Giuseppe Richichi




Catania, 01.02.2013
Presidente Regione Sicilia
On. Rosario Crocetta

p.c. Prefettura di Palermo
Dott. Umberto Postiglione
Prefettura di Catania
Dott.ssa Francesca Cannizzo
Prefettura di Messina
Dott. Stefano Trotta
Prefettura di Enna
Dott.ssa Clara Minerva
Prefettura di Ragusa
Dott.ssa Annunziato Vardè
Prefettura di Siracusa
Dott. Armando Gradone
Prefettura di Agrigento
Dott.ssa Francesca Ferrandino
Prefettura di Trapani
Dott.ssa Marilisa Magno
Prefettura di Caltanissetta
Dott. Carmine Valente

Oggetto : Richiesta urgente

Egregio Presidente,
cosa bisogna aspettare? Siamo a produzione zero, senza un soldo.
Con la sua rivoluzione, seppur legittima, sta solo rivoluzionando i palazzi, ma per noi che viviamo di economia, cosa sta facendo?
Speravamo che l’era dei Governi inetti si fosse conclusa.
Il tempo delle belle parole è finito, se vuole il bene della Sicilia metta in atto la vera rivoluzione siciliana, istituisca un tavolo di confronto, necessitiamo di risposte e di azioni immediate.
La Categoria degli autotrasportatori è pronta a fermarsi dal 16-02-2013 a tempo indeterminato.
Le nostre richieste? Desideriamo vivere e produrre nella nostra Terra, con ogni mezzo.
Ribelli si, ma con dignità.

Associazione A.I.A.S.
Il Presidente
Giuseppe Richichi